Incentive

HOW WE THINK.

Il Torneo di Primavera era ormai alle porte. Sì, il torneo più lungo mai organizzato in tutta l’isola stava per iniziare!

Toddar non riusciva a crederci, aveva aspettato quel momento da settimane, mesi. Le cucine di suo padre brulicavano di scudieri e paggi che si insinuavano di nascosto per rubare un boccone, mentre portavano rifornimenti ai propri cavalieri.

La giostra sarebbe durata cinque giorni e con i suoi amici, giocando all’ombra delle torri maestose della capitale, Toddar aveva impersonato il principe Augustus – grande favorito – mentre vinceva su tutti gli avversari. Una volta aveva perfino incoronato Regina del Torneo Doryl, una bella bambina dagli occhi neri che proprio non riusciva a fissare a lungo mentre parlava. Come avrebbe voluto avere già l’età per imbracciare la lancia e partecipare al torneo! Se solo avesse avuto una casata e un titolo ad aspettarlo.

Ignaro delle ultime fantasticherie del figlio, il cuoco Ort era alle prese con un problema molto più grande: sfamare tutte le città costiere accorse per l’occasione. La responsabilità delle cucine del Lord dell’Isola di Bremis non era cosa da poco già nella gestione ordinaria, figuriamoci poi quando il padrone aveva deciso di organizzare il torneo più grande che si ricordasse dai tempi degli antenati. Perfino l’imperatore era finalmente uscito dalla Fortezza Bianca per approdare sull’isola.

Fortunatamente, Lord Gregor non era stato tanto incauto da imbarcarsi in un’impresa del genere contando solo sulle forze delle sue persone di servizio nel castello. Insieme alla frutta e ai vini, era arrivato da sud anche un manipolo di uomini che aveva in breve riorganizzato i compiti e coordinato perfettamente tutti quanti per riuscire a portare a termine l’impresa epica. I nomi delle città di origine erano talmente impronunciabili che questi eleganti e imbattibili organizzatori venivano chiamati dalla gente del castello per le iniziali dei loro nomi – la compagnia dei BCD. In poco tempo erano riusciti a capovolgere le sorti dell’evento. E pensare che c’era chi sosteneva che fossero fattucchieri dei mari del sud. Ma, per quanto tanta fosse la loro abilità nel gestire i gruppi facilmente accesi dal calore del vino, non poteva essere vero.

La compagnia dei BCD aveva fatto marciare a tappe forzate tutti quanti e, finalmente, tra poco più di una settimana sarebbero tornati alla loro vita di tutti i giorni. Il grande banchetto inaugurale di quella stessa sera sarebbe entrato tra le storie da raccontare ai fratellini di Toddar, troppo piccoli per capire cosa stava succedendo intorno a loro. E chissà che altro avrebbe segnato la sorte dei giorni successivi!

La prima grande fatica per Ort stava per passare e in cuor suo sperava di godersi qualche scorcio della giostra l’indomani. Tante erano anche le gare collaterali che stavano animando l’isola e ospiti di tutti i generi non smettevano di arrivare. Come quel piccolo forestiero che aveva visto passare dalla porta principale di ingresso in città e guardare stranito Toddar e i suoi amichetti che giocavano lì accanto. Chissà se Cares lo aveva già trovato per assegnargli un alloggio dignitoso.

Sì, Cares era decisamente la sua preferita della compagnia dei BCD. Spuntava sempre al momento giusto – sia quando una carovana entrava nelle mura che quando vi sbucava un cavaliere solitario – e, sempre, riusciva ad accogliere gli avventori e accomodare per loro un giaciglio comodo e adeguato al loro lignaggio.

Sì, avrebbe chiesto proprio a lei di venire con lui e i bambini alla giostra, appena sarebbe riuscito a lasciare le cucine. La sua “Regina del Torneo”, la moglie Olerya, lo aveva lasciato un anno prima, colta da un malattia improvvisa. Come le sarebbe piaciuta tutta l’euforia della festa e vedere gli abiti delle lady! Cares era di un’altra pasta, ma un’ottima compagna per il bicchiere della staffa alla fine di una lunga giornata di lavoro. E, con la fine del suo incarico per il torneo, ne avrebbe avuto da brindare.

Di certo l’evento sarebbe passato alla storia e chissà cosa poteva ancora accadere…


Uno scorcio sulla vita del cuoco Ort e di suo figlio Toddar sull’isola immaginaria di Bremis, in occasione del Torneo di Primavera.

Disclaimer:

I personaggi delle serie “Eventi Fantastici e dove trovarli” appartengono a BCD Meetings & Events Italia. L’autore scrive senza alcuno scopo di lucro e non intende violare alcun copyright. La finalità di questo articolo è puramente ludica, frutto di invenzione e appartiene ad un blog aziendale. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Read more about articoli della categoria Incentive

Viola e il gusto dei viaggi incentive: Mice cream al mango

Viola non si ferma e, di ritorno da Roma, ci parla dell'organizzazione di un viaggio incentive in Sud America, dopo aver addentato una cialda al mango nella capitale.

Eventi fantastici e dove trovarli – Il Grand Prix Harper 4

Eventi fantastici e dove trovarli è la serie di fantasia dal team di BCD Meetings & Events sulle vicende surreali del team di organizzazione di eventi aziendali e meeting. In questo episodio, la spericolata corsa del Grand Prix Harper 4 nel sistema Orios.

Mice cream anni 80: Viola e il limone

Viola oggi è al lavoro su un progetto di team building: troverà l'attività giusta per soddisfare il cliente? Scopriamolo nel secondo appuntamento con il Mice cream BCD Meetings & Events.