Congressi

HOW WE THINK.

Public speaking e eventi aziendali

Per chi si occupa di event management è fondamentale saper organizzare tutto nei minimi dettagli. Scegliere la location, prenotare gli hotel, occuparsi del ristoro. Ma non solo. Nella vita di un event planner esistono momenti di public speaking. Può capitare infatti di dover presentare il progetto di un evento o di una convention per l’approvazione da parte del management. Oppure di dover presentare al pubblico dell’evento un ospite o una figura importante con uno speech introduttivo.

Per un event planner potrebbe essere molto stressante affrontare questi momenti di comunicazione in pubblico. Esistono tanti libri e saggi scritti negli anni che forniscono consigli utili sul public speaking. Come organizzare un discorso per essere più chiari ed efficaci con i propri collaboratori. Oppure come muoversi su un palco con disinvoltura e sicurezza. Tra le diverse tecniche da utilizzare, è importante anche non trascurare l’abbigliamento. Quest’ultimo può risultare lo strumento più efficace per trasmettere empatia, credibilità e carisma.

Potrai leggere e studiare tutti i libri sul public speaking, ma non esiste un format preciso da seguire per tenere un discorso in pubblico. In questo articolo sulle tecniche per un public speaking di successo, troverai tuttavia alcuni consigli e tecniche che renderanno la tua arte oratoria ancora più efficace.

Ecco le tecniche per un public speaking di successo

L’importanza della pratica per un discorso efficace

Studio ed esercizio sono elementi chiave per la preparazione del discorso e per la sua presentazione orale. Ripetere uno speech è fondamentale per essere il più fluente possibile. A volte però non basta. Negli anni si è sviluppata un’altra tecnica. Quella dello storytelling, che coinvolge il pubblico, generando consenso nei confronti dell’azienda e del suo prodotto.

Lo storytelling si basa sulla creazione di storie all’interno di un discorso pubblico. Ciò rende più semplice generare fiducia nell’audience. Questa tecnica risulta imprescindibile per un public speaking di successo dell’event planner perfetto.

Quando si parla di storie si intendono racconti, ovvero sistemi di rappresentazioni percettive. Per entrare in connessione con il pubblico bisogna basarsi su un racconto ricco di emozioni. Perché il public speaking sia efficace e persuasivo, deve seguire uno schema articolato in tre momenti:

  1. Inizio
  2. Parte centrale
  3. Conclusione

Come ogni buona storia, affinché riesca a coinvolgere il pubblico e ad emozionarlo, deve alternare momenti che raccontano una “situazione standard”, ad altri che invece suscitano sorpresa e stupore. È utile inserire dei momenti in cui si analizza come potrebbe diventare la realtà esistente e che sviluppo potrebbe seguire.

Inserire una call to action all’interno del public speaking

Gli errori più frequenti compiuti durante un public speaking riguardano sia il relatore che la presentazione stessa. Il poco entusiasmo di chi parla, così come l’improvvisazione possono inficiare la buona riuscita del discorso. Anche l’assenza di una narrazione, slides troppo lunghe, ricche di dettagli e tecnicismi spesso hanno come unico risultato l’annoiare il pubblico.

Una tecnica efficace per sorprendere l’audience, attirando la sua attenzione fin dai primi secondi del public speaking, è iniziare il discorso con l’ausilio di un video. Un video di presentazione dell’azienda o di un prodotto specifico, caratterizzato da musica e immagini evocative, può fungere da buon espediente per il relatore per rompere il ghiaccio senza annoiare il pubblico.

Una’altra tecnica vincente che un event planner può utilizzare per mantenere sempre vivo l’interesse dell’audience, è quella di inserire call to action all’interno del discorso. Si può chiedere alla propria audience di usare il proprio smartphone per mettere like alla pagina Facebook dell’azienda. Oppure rispondere a delle domande live sulla presentazione. A volte questo momento di condivisione di opinioni e idee tramite call to action avviene alla fine del discorso. In questo modo si riesce ad avere un feedback immediato.

Alla fine di un public speaking, infatti, è sempre importante ricordarsi di analizzare approfonditamente la propria performance. Individuare i punti di forza e debolezza in modo obiettivo è indispensabile per un continuo miglioramento delle proprie tecniche di public speaking.

Attenzione al linguaggio del corpo per un public speaking di successo

Un uso efficace del linguaggio del corpo può diventare l’elemento distintivo di un public speaking di successo. Lle tecniche per poter utilizzare il proprio corpo in modo da coinvolgere il pubblico sono infinite. Gli studi affermano che è fondamentale ottimizzare il contatto visivo con l’audience e concentrarsi sui movimenti delle mani. Anche la gestione dello spazio fisico è importante per rendere il movimento sul palco il più incisivo possibile.

Fin dall’inizio del public speaking è importante coinvolgere l’audience percorrendo tutto lo spazio che si ha a disposizione. In questo modo si riesce ad ottenere l’attenzione del pubblico. Bisogna evitare di stare per troppo tempo fermi al centro del palco. Nonostante si tratti di una posizione che comunica forza e autorevolezza, può portare alla perdita della connessione emotiva con il pubblico.

Un’altra tecnica da seguire per un public speaking di successo è la famosa “regola del tre”. Ogni qual volta ci si trovi in presenza di un elenco costituito da tre elementi, è importante cambiare ogni volta che ne spieghi uno la posizione. In questo modo l’audience sarà agevolata nella memorizzazione dei contenuti.

L’ outfit dell’event planner come tecnica di public speaking

Tra le tecniche più efficaci per un public speaking di successo si può annoverare la scelta di un outfit adeguato.  Risulta fondamentale, infatti, curare l’abbigliamento, per risultare credibile ed autorevole. Inoltre, l’outfit deve essere in linea con il contesto generale. Una tecnica efficace è quella di informarsi sulle caratteristiche dell’uditorio. Sentirsi a proprio agio è importante per non perdere la fiducia in sé e, di conseguenza, l’attenzione da parte dell’audience.

Un ulteriore consiglio riguardo alla scelta dell’abbigliamento durante un public speaking è l’uso degli accessori. Questi devono riuscire a rendere l’outifit originale e personalizzato. È importante non esagerare, evitando di indossare accessori troppo vistosi e stravaganti. In quel caso infatti il pubblico perderebbe la concentrazione, focalizzandosi solo su quest’ultimi.

Infine, risulta efficace indossare abiti semplici e lineari. La stessa scelta dei colori deve ricadere su nuance neutre, per rendere un event planner che tiene un public speaking il più credibile possibile. Anche la comodità dell’abbigliamento scelto è un elemento da non sottovalutare, per facilitare i movimenti sul palco.

Read more about articoli della categoria Congressi

L'importanza del video nei virtual meeting e negli eventi live

La gestione dei video nei virtual meeting fa la differenza per il successo dell'evento aziendale. Ecco perché includere dei video rende l'esperienza accattivante.

Come organizzare un congresso medico di successo in 5 step

Sei pronto per organizzare un congresso medico scientifico all'altezza dei tuoi partecipanti? Ecco 5 consigli da non sottovalutare se sei un event planner e devi organizzare un convegno medico farmaceutico.

Come le destinazioni di secondo livello valorizzano Meeting e Eventi

Ecco perché le destinazioni di secondo livello meritano una seconda chance da parte dei meeting planner.

Viola e Mice cream al pistacchio: coinvolgente come una convention

Filosofia del grande evento by BCD Meetings & Events: Viola riflette sulla ricerca di una location che emozioni e tenga alta l'energia dell'evento.

Eventi fantastici e dove trovarli – La pipa del Nonno

Eventi fantastici e dove trovarli è la serie di fantasia creata dal team di BCD Meetings & Events che racconta le vicende surreali del team di organizzazione di eventi aziendali e strategic meeting. In questo episodio, la testimonianza di un appassionato del Giro d'Italia